Cancro prostata, metastasi nel 40% dei casi

La scelta della terapia, precisa Giaro Conti, primario di Urologia all’ospedale Sant’Anna di Como e segretario generale della Società italiana di urologia oncologica, “dipende dalle caratteristiche del paziente e della malattia. Tutti i trattamenti hanno subito nell’ultimo decennio un’evoluzione importante, contribuendo a ridurre la mortalità e a migliorare la qualità della vita”. La terapia ormonale è uno dei cardini del trattamento farmacologico del carcinoma prostatico perché punta a ridurre gli androgeni, in particolare il testosterone che ha un ruolo importante nella crescita e nell’evoluzione del tumore. Enzalutamide, precisa Conti, “è risultato efficace sia nei pazienti con metastasi ossee che viscerali”.

Per mettere sotto scacco la malattia, sottolinea Barbara Jereczek, professore associato di Radioterapia all’università degli Studi di Milano e direttore della Divisione di radioterapia all’Istituto europeo di oncologia (Ieo) nel capoluogo lombardo, serve “lavoro di squadra. Alcuni studi dimostrano che il lavoro multidisciplinare e la collaborazione tra le varie figure specialistiche migliorano del 10% i risultati clinici in oncologia. Anche in Italia come in molti Paesi questa esigenza è stata recepita. Da qui nasce la volontà di creare delle Prostate Cancer Unit simili a quelle già esistenti per il tumore al seno”.

E’ un killer silenzioso, a volte difficile da intercettare. In Italia il cancro alla prostata avanza al ritmo di 35 mila nuove diagnosi l’anno e 8 mila morti, il 40% dei pazienti sviluppa metastasi e in 1-2 casi su 10 il tumore viene scoperto in ritardo, quando ormai è in fase avanzata. E’ la terza neoplasia maligna nella popolazione generale, la più frequente nei maschi adulti per i quali dopo i 50 anni rappresenta oltre il 20% di tutti i tumori diagnosticati. Ma nell’esercito eterogeneo di pazienti si contano almeno 398 mila uomini con una pregressa diagnosi di carcinoma prostatico che, malgrado i progressi terapeutici, in un’elevata percentuale di casi evolve in una forma resistente alla terapia anti-androgenica e metastatizza.

Gli studi “Affirm, condotto su pazienti con tumore prostatico metastatico resistente alla castrazione già trattati con chemio, e Prevail, condotto su pazienti con tumore prostatico metastatico naive alla chemio – aggiunge Cartenì – hanno dimostrato un miglioramento della sopravvivenza globale, un buon profilo di sicurezza e tollerabilità con effetti collaterali scarsi e di poca importanza rispetto ai pazienti trattati con placebo, permettendo un miglioramento della qualità di vita. Enzalutamide ha anche ridotto il rischio di fratture e compressioni del midollo spinale nei pazienti con metastasi ossee. Il farmaco, inoltre, non necessita dell’aggiunta di cortisone” ed è prescrivibile anche ai pazienti che non sono stati sottoposti a blocco androgenico totale.

Enzalutamide, spiega infatti Sergio Bracarda, direttore dell’Unita operativa complessa di oncologia medica nell’azienda Usl Toscana Sud-Est, Istituto toscano tumori, ospedale San Donato Arezzo, inibisce “in maniera potente il recettore degli androgeni”, cruciale “nel processo di crescita e metastatizzazione della cellula tumorale prostatica. Oltre all’efficacia, cioè a un miglioramento della sopravvivenza, è caratterizzato anche da un buon profilo di tollerabilità”, assicura l’esperto.

Se le armi per combattere questo tumore, ‘tallone d’Achille’ maschile, permettono la scelta fra più opzioni – dalla chirurgia alla radioterapia, dall’ormonoterapia alle terapie sistemiche con chemioterapici – uno dei crucci degli specialisti è il ritardo della diagnosi che in certi casi porta alla scoperta della neoplasia quando ha già corso tanto.

Proprio per chi presenta forme metastatiche resistenti alla terapia ormonale e non sottoposte a chemio, l’Aifa autorizza ora l’indicazione pre-chemioterapia di enzalutamide, agente ormonale orale di ultima generazione, già utilizzato dopo il fallimento del trattamento chemioterapico. Un farmaco, frutto della ricerca di Astellas Pharma, che punta direttamente al ‘motore’ di crescita del tumore prostatico, il testosterone, ‘staccando la chiave’ che lo alimenta.

Pubblicato il: 17/05/2016 12:56

Gli ostacoli, evidenzia Giacomo Cartenì, direttore dell’Uoc di oncologia medica dell’azienda ospedaliera di rilievo nazionale Antonio Cardarelli di Napoli, sono diversi: “La natura stessa della neoplasia che cresce nella parte più periferica della ghiandola prostatica, il cosiddetto mantello, e non dà segni se non dopo che ha infiltrato la capsula”, elenca l’esperto. E ancora la beffa per cui “molti tumori della prostata non producono Psa, quindi un valore basso non sempre è sinonimo di negatività. Bisogna poi sottolineare una certa carenza di indagini diagnostiche per le quali si dovrebbe attivare la ricerca”.

  • un’esplorazione rettale, che dovrà verificare la ricerca di anomalie alla palpazione della prostata (ghiandola dura, ingrandita, con rigonfiamenti irregolari);
  • la misurazione del PSA nel sangue. Il PSA, tuttavia, può essere nei valori normali pur in presenza di tumore, oppure elevato per altri motivi (ipertrofia prostatica benigna, prostatite).
  • ingrossamento mammario,
  • vampate di calore,
  • osteoporosi,
  • riduzione della libido,
  • riduzione dei peli,
  • riduzione della massa muscolare,
  • disfunzione erettile.

Inoltre, poiché la malattia colpisce soprattutto la popolazione in età geriatrica, molti soggetti anziani muoiono per altre cause senza sapere di essere affetti da tale patologia e senza mai aver avuto disturbi.

  • terapia ormonale,
  • radioterapia,
  • chemioterapia.
  • estensione del tumore all’interno della prostata,
  • eventuale coinvolgimento dei linfonodi situati nelle vicinanze della prostata,
  • la diffusione del tumore in organi distanti (metastasi).

Si può prendere in considerazione un’indagine di screening nei soggetti con più di 50 anni o con più di 40 anni in presenza di fattori di rischio noti (come la familiarità).

Inoltre, se il paziente soffre dolore in qualche parte dello scheletro, si esegue una scintigrafia ossea per escludere una metastasi alle ossa. Analogamente, se si sospetta una metastasi al cervello o al midollo spinale, si effettua una tomografia computerizzata o una risonanza magnetica in tali distretti.

La prognosi dipende dal grado istologico e dalla stadiazione del tumore.

Dal momento che il tumore alla prostata è molto diffuso ed è in genere asintomatico fino agli stadi avanzati, alcuni esperti ritengono opportuno eseguire esami di screening su una popolazione di soggetti asintomatici.

Il tumore alla prostata maligno è uno dei tipi di cancro più frequenti diagnosticati negli Stati Uniti e si presenta soprattutto negli uomini che hanno oltrepassato i 65 anni d’età.

5) Il collegamento tra latte intero e carcinoma prostatico mortale può essere dovuto agli effetti dei grassi contenuti nel latte (soprattutto i grassi saturi) e altri fattori (inclusi obesità ed eccesso di insulina).
Il latte intero ha un contenuto di grassi saturi circa 40 volte superiore rispetto al latte scremato.

Non si conoscono le cause precise.
Tuttavia, ci sono alcuni fattori di rischio che possono causare il cancro.

Tutti i tessuti che costituiscono la prostata possono subire una trasformazione neoplastica.

Sintomi del tumore alla prostata in uno stadio avanzato:

6) Il latte intero e i latticini ad alto contenuto di grassi possono aumentare le concentrazioni di peptide C. Questa sostanza può aumentare il rischio di carcinoma prostatico aggressivo (Fonte – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15075172)

  • Difficoltà e problemi di erezione
  • Eiaculazione dolorosa
  • Dimagrimento o perdita di peso (soprattutto ad uno stadio avanzato)
  • Sangue nelle urine o nello sperma
  • Sintomi causati da metastasi o diffusione del tumore: dolore pelvico (bacino), dolore osseo, gambe gonfie in caso di ostruzione dei linfonodi.

Secondo i dati di uno studio scientifico pubblicato su Pubmed, il latte scremato / magro nell’alimentazione aumenta il rischio di tumore non aggressivo (tumore di basso grado o allo stadio iniziale).
Se una persona beve il latte intero ha più probabilità di:

2) Un altra causa può essere l’acido fitanico contenuto nei latticini che può aumentare l’espressione dell’enzima α-metilacil-coa racemasi.
Questa sostanza interviene nello sviluppo del tumore.